Presentiamo in questo volume 16 sentieri che toccano solo alcuni di quei luoghi dell’Appennino reggiano teatro della lotta di Resistenza al nazi-fascismo – nel più ampio contesto della Seconda Guerra Mondiale – e delle vicende ad essa legate.
Sono solo ipotesi di percorsi che si lasciano aperte a variazioni, interpretazioni, aggiunte, sovrapposizioni. Tante quante la vostra creatività e curiosità vorranno proporre.
Vogliamo offrire una guida per tutti. Nella scelta dei tracciati abbiamo privilegiato la chiarezza, tenendo conto della fattibilità e del mutamento – a tratti radicale – del territorio. La descrizione escursionistica e le informazioni turistiche di supporto hanno così lo scopo di facilitare il più possibile il percorso.
Si è cercato di creare sentieri ad anello dove partenza e arrivo combacino; quando ciò non è stato possibile abbiamo proposto luoghi d’inizio e fine serviti dai bus di linea, in modo da poter sfruttare i mezzi pubblici per il ritorno.
Data la lunghezza impegnativa, alcuni sentieri prevedono anelli a intersezione che possono essere svolti nella loro interezza oppure singolarmente, in autonomia gli uni dagli altri. Potrebbe essere la scusa per spezzare un sentiero lungo in due parti, sostando per un pernottamento in una delle tante strutture ricettive segnalate.

Un’iniziativa quasi obbligatoria l’uscita il 25 aprile 2020, in occasione del 75° anniversario della Liberazione, di una nuova edizione di Sentieri Partigiani, aggiornata e arricchita con l’aggiunta di un nuovo percorso, il numero 16: il Sentiero della Liberazione. Il libro è un invito a camminare su questi sentieri, un invito a uscire dalla vita consueta e a mettersi in cammino, perchè la storia va percorsa a piedi, va frequentata lì dove si è svolta. Così, lentamente, un passo dopo l’altro, si può scoprire lo splendido scenario dell’Appennino reggiano e il tesoro della storia antifascista.


 

GAST
Per rendere più accessibili i 16 Sentieri Partigiani e la loro storia, patrimonio di tutti, l’associazione sportiva dilettantistica g.a.s.t. (giochiamo anche se triboliamo) si rende disponbile a fornire supporto per l’organizzazione di uscite outdoor in Appennino. Chi è interessato può prendere parte alle attività organizzate direttamente da g.a.s.t. durante tutto l’arco dell’anno, oppure richiedere il prestito delle Joelette, speciali ausili (carrozzelle) che permettono a tutti, anche ai ragazzi che non camminano, di partecipare alle escursioni in montagna.


 

COME AVERE IL LIBRO?

Il volume è a disposizione da lunedì alla Libreria All’Arco di Reggio Emilia, alla libreria Punto Einaudi di Reggio Emilia, alla libreria Semola di Cavriago e alla libreria Mondadori di Castelnovo Monti.
In alternativa potete ordinarlo direttamente a Istoreco, scrivendo a staff@istoreco.re.it, per farselo spedire a casa.

LA COPERTINA