Nel 2021 vogliamo ristampare la guida storica-escursionistica Sentieri Partigiani con integrazioni e approfondimenti ulteriori, per renderlo disponibile a tutte le persone interessate. Per fare questo abbiamo bisogno del tuo aiuto!

PARTECIPA!

Da 25 anni ormai l’istituto storico Istoreco organizza i Sentieri Partigiani nell’Appennino reggiano intorno alle date del 25 aprile (Festa della Liberazione) e 8 settembre (Armistizio e data di inizio delle prime forme di Resistenza armata). Probabilmente non potremo rispettare le nostre classiche date, ma stiamo già lavorando per preparare iniziative non appena sarà possibile, approfittando della bella stagione.

Quest’anno non sarà possibile avviare i Sentieri nelle classiche date ma ci stiamo organizzando per accompagnarli e promuoverli appena possibile. Quando sarà consentito, in compagnia delle parole dei testimoni partigiani, visiteremo i luoghi che furono teatro di azioni della Resistenza, di scontri e di rappresaglie naziste e fasciste.  Il volume omonimo raccoglie questi percorsi e le loro storie. Per non perdere l’orientamento fra i monti, sui sentieri siamo accompagnati da una guida escursionistica esperta.

Nel 2021 vogliamo ristampare il libro, con integrazioni e approfondimenti ulteriori, per renderlo disponibile a tutte le persone interessate. Per fare questo abbiamo bisogno del tuo aiuto e di raccogliere 4.000 euro, grazie a queste donazioni saremo in gradi di stampare:

  • 400 copie
  • il nuovo volume vedrà tante novità: aggiornamenti, revisioni dei sentieri, indicazioni turistiche e sulle camminate inclusive, ammodernamenti digitali.

I “Sentieri Partigiani” di Istoreco sono la guida cartacea dedicata a sedici percorsi storici escursionistici creati negli anni ricostruendo vecchi percorsi usati dai resistenti. Un progetto attivo da più di vent’anni, che nel tempo ha portato migliaia di persone, in gran parte tedesche, svizzere e austriache, nel cuore dell’Appennino reggiano. Un’esperienza di impegno antifascista e di ricerca storica sul campo.

Gli escursionisti hanno potuto conoscere luoghi, tracce, case e persone, fra cui alcuni preziosissimi testimoni della Resistenza: Giacomina Castagnetti, Giacomo Notari, Giovanna Quadreri, Francesco Bertacchini e altre partigiane e partigiani che hanno raccontato i loro anni giovanili di resistenti contro il fascismo, il nazismo e l’ingiustizia.

 

GLI APPELLI