Istituto per la Storia della Resistenza e della Società contemporanea in provincia di Reggio Emilia
La nostra rivista

Richiamati...alla memoria!
L'istituto è anche
 
Social network

Protagoniste invisibili. Date, luoghi e figure della "Resistenza delle donne" al fascismo e al nazismo a Reggio Emilia

In questi ultimi anni non sono mancate nella nostra provincia iniziative pubbliche, ricerche 
storiche, autobiografie, tesi di laurea, anche opere di narrativa dedicate a figure di donne 
protagoniste dell'Antifascismo e della Resistenza. Tuttavia, è ancora troppo forte il divario 
tra l'ampiezza e la qualità che tale partecipazione ha avuto, specie in Emilia Romagna e nella 
nostra provincia, e la conoscenza effettiva e la consapevolezza collettiva della portata, del 
valore, delle motivazioni della scelta che in quegli anni bui tante donne hanno compiuto, 
entrando in massa nella storia per la prima volta come protagoniste e rompendo con una 
storica subalternità, in particolare con il modello femminile di "fattrici di figli per la patria" 
loro imposto dalla dittatura fascista.


Le Celebrazioni del 70mo della Resistenza possono essere un'occasione preziosa per colmare 
questo divario e noi abbiamo voluto coglierla. Riprendendo il percorso iniziato col progetto 
"Oltre il 70mo: le donne protagoniste consapevoli", promosso dalla Provincia di Reggio 
Emilia, ANPI, ALPI-APC, ISTORECO, Istituto Cervi, CGIL-C1SL-UIL, intendiamo dare il nostro contributo con un programma di iniziative che dia voce, volto e visibilità alle donne 
protagoniste nell'Antifascismo e nella Resistenza, utilizzando sia strumenti di comunicazione 
tradizionali che modalità innovative e coinvolgendo a diversi livelli tutto il territorio 
provinciale.

 

 

Scarica il dossier

 


Questo fascicolo si propone di ricostruire una prima mappatura di tale partecipazione, di 
riscoprire e portare alla luce in modo semplice e sintetico le date più rilevanti, i luoghi, le 
azioni, le figure della "Resistenza delle donne", di raccontare il percorso che esse, tante e 
sempre di più, hanno compiuto nella nostra provincia, dagli anni dell'opposizione al fascismo 
durante il regime alla vera e propria Resistenza.


Non intende essere una ricerca esaustiva e completa: consideriamo questa dispensa un "work in progress", un punto di partenza che ha bisogno di altri contributi ed apporti per 
rendere più ricca, condivisa e compiuta la mappa della partecipazione femminile. Abbiamo 
incluso date e fatti salienti, abbiamo ricordato figure di donne che in qualche modo 
potessero rappresentare le diverse forme e modalità che la partecipazione femminile all'antifascismo e alla Resistenza ha avuto nel reggiano.


Tante e tante altre donne avremmo voluto nominare e ricordare e tutte sono nel nostro pensiero e nel nostro cuore. Ci auguriamo ora che, a partire da questo nostro lavoro e con 
l'aiuto e la collaborazione di tanti, ciascuna delle "invisibili protagoniste" possa trovare il 
proprio posto nella memoria collettiva e ricevere il doveroso riconoscimento della nostra 
comunità.

 

Costruire questa "mappa" è stato emozionante, coinvolgente è stato ripercorrere il cammino 
compiuto dalle donne in quel periodo drammatico, un cammino di dolore, di coraggio e di 
riscatto: dalle prime antifasciste che hanno avuto la forza di opporsi e ne hanno pagato il 
prezzo, agli scioperi delle mondine, dalla "Adunata sediziosa" delle donne di Cadelbosco nel 
1941, all'entrata in campo spontanea e diffusa delle donne l'8 settembre del 1943, alle 
prime iniziali forme di Resistenza, alla costituzione della rete capillare sul territorio dei 
Gruppi di difesa della Donna e dal "Soccorso Rosso", alle manifestazioni di massa dell'8 
marzo e alla Prova Insurrezionale dell'aprile del 1945, non a caso affidata dal CLN di Reggio 
Emilia alle donne.
Un crescendo trascinante di partecipazione attiva e di protagonismo femminile, con proprie 
motivazioni, valori, aspirazioni e tante diverse modalità di azione.
Oltre ad offrire le prime informazioni di base, ci auguriamo ora che questo lavoro solleciti - in 
particolare nei giovani, nelle scuole, nei comuni della provincia e nei quartieri del capoluogo 
- il bisogno di scoprire e di conoscere meglio, più in profondità, questa bellissima storia 
corale e le tante storie individuali che la compongono. Una storia di "invisibili protagoniste", 
che ha ancora tanto da dirci e da insegnarci.

 

 

I promotori del progetto 
Reggio Emilia

15 marzo 2014

 

 

 

 


Gli uffici sono aperti dal lunedì al venerdì mattina dalle 08.30 alle 13.00;
martedì e giovedì anche il pomeriggio dalle 15.00 alle 18.00.

Istoreco è in via Dante, 11 - 42121 Reggio Emilia
Tel. : 0522 437327 - 442333 - Fax. : 0522 442668 - Email: staff@istoreco.re.it
C.F. 80011330356

A cura della redazione web di Istoreco

Istoreco - Sito web dell'Istituto per la Storia della Resistenza e della società contemporanea
Copyright by Istoreco