Interrogazione comunale sul Monumento ai caduti

 

Pubblichiamo il contenuto dell'interrogazione alla Giunta comunale presentata dai consiglieri Nando Rinaldi ed Ernesto D’Andrea, del gruppo consiliare del PD – in merito alla manuntezione e alla ricollocazione del sacrario a ricordo dei caduti della Resistenza di Reggio Emilia – e la risposta dell'assessore ai progetti speciali del Comune di Reggio Emilia Mimmo Spadoni.

 

 

 

 

Interrogazione

 

Reggio Emilia, 14 luglio 2010

 

Interrogazione a risposta scritta

premesso  che è attualmente ubicato nel viale adiacente al Teatro Municipale “R. Valli” un sacrario a ricordo dei caduti della Resistenza di Reggio Emilia: “a gloria dei caduti per la libertà e l’indipendenza del Popolo Italiano”.

 

ricordato che il monumento originario (una targa/sacrario lunga dieci m. per un altezza superiore ai due m.) venne inaugurato il 25 aprile 1950 dal Presidente della Repubblica Luigi Einaudi. Nel 1984, in seguito a lavori di restauro nell’edificio della Galleria Parmeggiani, venne decisa una nuova ubicazione per la targa del sacrario dei caduti della Resistenza di Reggio Emilia, nonché una nuova soluzione formale. Pertanto il monumento venne ricostruito nell’area verde adiacente ai monumenti dedicati alla Resistenza e ai caduti del 7 luglio 1960. Il nuovo monumento, la cui inaugurazione risale al 1985 in occasione del quarantennale della Liberazione, è composto da dieci steli metalliche, ognuna delle quali ospita circa sessantadue nomi di caduti e contiene le 615 fotoceramiche precedentemente infisse nel vecchio monumento.

 

rilevato che da un sopraluogo risultano non funzionanti diversi fari di illuminazione installati nella base del monumento e inoltre sarebbe opportuna una più complessiva opera di manutenzione di questo importante sacrario.

 

Si interroga la Giunta

per conoscere se è in previsione il ripristino dei fari di illuminazione attualmente non funzionanti e se non si ritiene necessario di programmare almeno in occasione delle ricorrenze del 25 aprile una ripulitura straordinaria dagli agenti esterni del sacrario a ricordo dei caduti della Resistenza.

 

se non si considera percorribile in occasione dei lavori di rifacimento che interesseranno a partire dai prossimi mesi P.za della Vittoria una diversa collocazione del sacrario al fine di dedicargli una posizione più centrale nell’ambito del sistema di valorizzazione di P.za Martiri Sette Luglio e P.za della Vittoria.

 

Nando Rinaldi (PD)

Ernesto D’Andrea (PD)

 

 

 

Risposta

 

Reggio Emilia, 10 agosto 2010

 

Ai Consiglieri Comunali Gruppo PD

Nando Rinaldi

Ernesto D'Andrea

 

OGGETTO: Interrogazione PG 14196 del 14 luglio u.s., avente per oggetto: Sacrario a ricordo dei caduti della Resistenza. di Reggio Emilia: "a gloria dei caduti per la libertà e l'indipendenza del Popolo Italiano".

 

In risposta alla Vostra interrogazione di cui all'oggetto, si comunica che nel mese di luglio u.s. sono stati ripristinati i fari di illuminazione installati nella base del monumento risultati non più funzionanti.

In merito all'opportunità di una più complessiva opera di manutenzione del sacrario, in occasione delle ricorrenze del 25 aprile, si comunica che anche quest'anno, come tutti gli anni, si è proceduto a un'opera globale di manutenzione e ripulitura di tutti i cippi e lapidi collocati sulle strade, piazze, fabbricati, parchi e cimiteri.

A dimostrazione dell'attenzione che noi riserviamo a questo importanti strumenti di memoria, alcuni mesi fa, l'Amministrazione ha avviato un censimento di tutte le lapidi, cippi e monumenti per potere tenere sotto controllo la condizione complessiva onde evitare che ci siano particolari condizioni di degrado incontrollate.

Per quanto riguarda la possibilità di una diversa collocazione del sacrario al fine di dedicargli una posizione più centrale· nell'ambito del sistema di valorizzazione di Piazza Martiri del 7 Luglio e Piazza della Vittoria si precisa che il sacrario in oggetto per molti anni, dal 1985 al 2007 (anno in cui sono iniziati i lavori di Piazza Martiri) è rimasto occultato in una posizione disagiata coperto dalla vegetazione non fruibile e purtroppo in qualche occasione divenuto ricettacolo di rifiuti e luogo per l'espletamento di esigenze corporali; con il progetto di riqualificazione della Piazza, oltre a valorizzare a tutto tondo, in coerenza con il progetto originario, il monumento ai caduti della Resistenza, si è provveduto alla ricollocazione del sacrario e del monumento ai Martiri del 7 luglio attraverso consultazioni con Istoreco.

In specifico per quanto riguarda il Sacrario si ritiene che l'attuale, concordata collocazione, sia idonea sia per fruibilità che per importanza.

 

Cordiali saluti.

 

Uberto Mimmo Spadoni, assessore

Calendario

 <  ottobre 2014  > 
LuMarMerGioVenSabDom
29 30 01 02 03 04 05
06 07 08 09 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31 1 2
3 4 5 6 7 8 9

Social network

Appuntamenti

 

 

 

 

 

Newsletter

La nostra rivista

Nella Rete









Risorse